San Felice di Nola
Data di celebrazione nel calendario romano: 14 Gennaio

 

Regione
Luogo di sepoltura
Nola, in Italia
Data di nascita
250 d.C.
Data canonizzazione
Non definita



Biografia

San Felice di Nola nacque intorno al 250 d.C. a Nola, una città nell’odierna Campania, Italia. Divenne presto noto per la sua profonda devozione religiosa e la sua dedizione alla vita ecclesiastica. Fu ordinato sacerdote e successivamente eletto vescovo di Nola.

Durante la persecuzione dell’imperatore Decio (249-251 d.C.), San Felice fu imprigionato per la sua fede cristiana e subì crudeli torture. Nonostante ciò, mantenne la sua fede in Cristo fino alla morte. Secondo la tradizione, fu decapitato per il suo rifiuto di sacrificare agli dei pagani.

San Felice di Nola è venerato come martire e santo nella Chiesa cattolica. Dopo il suo martirio, il suo culto si diffuse rapidamente in Italia e oltre. La sua tomba a Nola divenne un luogo di pellegrinaggio per i fedeli, che cercavano la sua intercessione e il suo esempio di fede coraggiosa.

San Felice è celebrato per la sua forte testimonianza di Cristo e la sua fedeltà fino alla morte. È considerato uno dei grandi martiri della Chiesa primitiva, i cui esempi di sacrificio e devozione hanno ispirato generazioni di cristiani nel corso dei secoli.

La cattedrale di Nola, dedicata a San Felice, ospita il sepolcro del santo, che è stato oggetto di venerazione continua per oltre mille anni. Il suo culto è rimasto vivo e vibrante nella tradizione cristiana, con la festa liturgica di San Felice di Nola che cade il 14 gennaio.

San Felice di Nola è una figura significativa nella storia del cristianesimo antico, riconosciuto per il suo martirio e la sua santità, e venerato per il suo esempio di fede incondizionata.

Luogo venerazione
Immagini