San Carlo da Sezze
Data di celebrazione nel calendario romano: 6 Gennaio

 

Regione
Luogo di sepoltura
Convento francescano di San Bonaventura al Palatino, Roma
Data di nascita
19 Ottobre 1613
Data canonizzazione
12 Aprile 1959



Biografia

San Carlo da Sezze nacque il 19 ottobre 1613 a Sezze, una cittadina nei pressi di Roma, Italia. Il suo nome al battesimo fu Giovanni Battista, ma prese il nome di Carlo quando entrò nell’Ordine dei Frati Minori Francescani.

Carlo si unì all’Ordine francescano all’età di vent’anni e fece i suoi voti nel 1635. Mostrò fin da giovane una profonda devozione e una forte inclinazione alla vita contemplativa e alla preghiera. Trascorse molti anni come portiere e cuoco nei conventi francescani, svolgendo umili mansioni con grande umiltà e spirito di servizio.

Carlo da Sezze è noto per le sue profonde esperienze mistiche e la sua intima unione con Dio attraverso la preghiera e la contemplazione. Ebbe numerose visioni e estasi mistiche, nelle quali riferì di essere stato elevato spiritualmente fino a contemplare la Trinità e il mistero della Santissima Eucaristia.

Nonostante le sue esperienze mistiche, Carlo mantenne un atteggiamento di profonda umiltà e semplicità. Era amato dai suoi confratelli per la sua gentilezza, la sua disponibilità nel servire gli altri e la sua carità verso i poveri e i bisognosi.

San Carlo da Sezze morì il 6 gennaio 1670 nel convento francescano di San Bonaventura a Roma. Fu beatificato nel 1882 da Papa Leone XIII e canonizzato il 12 aprile 1959 da Papa Giovanni XXIII. È venerato come patrono dei cuochi e dei portieri, nonché come modello di vita contemplativa e umile.

San Carlo da Sezze è celebrato per la sua profonda spiritualità francescana, la sua devozione alla Santa Eucaristia e la sua testimonianza di vita contemplativa e umile. Le sue opere spirituali, tra cui “Lezioni Spirituali”, continuano ad ispirare i fedeli nel loro cammino di fede e di preghiera.

La sua tomba si trova nel convento francescano di San Bonaventura a Roma, dove molti pellegrini si recano per chiedere la sua intercessione e per riflettere sul suo esempio di santità.

Luogo venerazione
Immagini