Sant'Antonio Maria Gianelli, Vescovo di Bobbio, fondatore delle figlie di Maria
Data di celebrazione nel calendario romano: 07 Giugno

 

Regione
Luogo di sepoltura
Chiesa di San Francesco Saverio, Chiavari
Data di nascita
12 Aprile 1789
Data canonizzazione
21 ottobre 1951



Biografia

Sant’Antonio Maria Gianelli nacque il 12 aprile 1789 a Cerreta di Genova, Italia, in una famiglia contadina profondamente cristiana. Fin da giovane mostrò un forte spirito religioso e una grande sensibilità verso i bisogni dei più poveri e degli emarginati. Dopo aver ricevuto una solida formazione umanistica e teologica, entrò nel seminario di Genova e fu ordinato sacerdote nel 1812, a soli 23 anni. Da subito si distinse per la sua predicazione appassionata e per il suo impegno pastorale verso i più bisognosi. Nel 1827, fu nominato canonico della cattedrale di Genova, dove continuò a lavorare instancabilmente per la riforma morale e spirituale del clero e del popolo. Nel 1838, fu nominato vescovo di Bobbio, una diocesi che all’epoca versava in uno stato di abbandono spirituale e materiale. Sant’Antonio Maria Gianelli si impegnò immediatamente nella riforma della diocesi, promuovendo la formazione del clero, ristabilendo la disciplina ecclesiastica e rafforzando la vita spirituale dei fedeli. Fondò anche numerose scuole e istituzioni caritative per l’educazione dei giovani e l’assistenza ai poveri. Uno degli aspetti più significativi del suo episcopato fu la fondazione delle Figlie di Maria Santissima dell’Orto, un istituto religioso femminile dedicato all’educazione cristiana delle giovani e all’assistenza agli ammalati e agli anziani. Le suore di questa congregazione si distinsero per il loro zelo apostolico e la loro dedizione ai più bisognosi, seguendo l’esempio di carità e umiltà del loro fondatore. Sant’Antonio Maria Gianelli morì il 7 giugno 1846, all’età di 57 anni, a Piacenza, dopo una breve malattia. La sua morte fu accolta con grande dolore dai fedeli di Bobbio e di Genova, che già lo consideravano un santo per la sua vita di preghiera, sacrificio e servizio disinteressato agli altri. Canonizzato da Papa Pio XII nel 1951, Sant’Antonio Maria Gianelli è venerato come patrono dei vescovi diocesani e dei fondatori di congregazioni religiose. La sua vita e il suo ministero continuano a ispirare i cristiani nel loro impegno per la riforma ecclesiale, l’educazione cristiana e il servizio agli ultimi nella società.

Luogo venerazione
Immagini