Santa Regina, Vergine e Martire
Data di celebrazione nel calendario romano: 07 Settembre

 

Regione
Luogo di sepoltura
Flavigny-sur-Ozerain, Francia
Data di nascita
III secolo d.C.
Data canonizzazione
non definita



Biografia

Sebbene le informazioni storicamente accurate sulla sua vita siano scarse, la figura di Santa Regina ha assunto grande importanza nel panorama religioso e culturale, specialmente in Europa. La sua devozione è diffusa in diverse nazioni, con particolare venerazione in Francia, Italia e Germania.

Le narrazioni agiografiche raccontano che Regina visse in Gallia, nell’odierna Francia, durante il III secolo d.C. Figlia di un nobile pagano, si convertì al Cristianesimo in giovane età, dedicandosi alla preghiera e alla vita eremitica. Il suo rifiuto di abiurare la fede e di sottostare alle pressioni del padre, che la voleva maritata a un pretendente pagano, la condusse al martirio.

Secondo la leggenda, Regina fu sottoposta a diverse torture, tra cui il rogo e l’annegamento, ma la sua fede rimase incrollabile. Subì infine la decapitazione, consegnando la sua anima a Dio.

Santa Regina è spesso raffigurata con una palma, simbolo del martirio, e una corona, che rappresenta la sua vittoria sulla morte. In alcune immagini, porta con sé una colomba, simbolo della purezza e dello Spirito Santo.

La sua festa liturgica si celebra il 7 settembre, giorno del suo martirio. Reliquie di Santa Regina sono custodite in diverse località, tra cui le più importanti sono quelle conservate a Flavigny-sur-Ozerain in Francia e a Alise-Sainte-Reine, luogo del suo martirio.

La figura di Santa Regina rappresenta un esempio di forza interiore, coerenza e incrollabile fede. La sua storia ispira a rimanere saldi nei propri principi anche di fronte alle avversità e alle persecuzioni.

Santa Regina è considerata protettrice delle donne, dei bambini, dei perseguitati per la fede e degli animali. È invocata anche contro le malattie e le calamità naturali.

Luogo venerazione
Immagini