San Nunzio Sulprizio
Data di celebrazione nel calendario romano: 05 Maggio

 

Regione
Luogo di sepoltura
Pescosansonesco
Data di nascita
13 aprile 1817
Data canonizzazione
14 ottobre 2018



Biografia

San Nunzio Sulprizio è una figura venerata nella Chiesa cattolica per il suo esempio di fede, perseveranza e carità cristiana. Nato il 13 aprile 1817 a Pescosansonesco, in Abruzzo, Nunzio perse i genitori in giovane età e fu affidato agli zii. La sua infanzia fu segnata da difficoltà e sofferenze, poiché dovette affrontare malattie, tra cui la tubercolosi ossea, che lo portò a gravi dolori fisici. Nonostante le sue prove, Nunzio mantenne un profondo impegno religioso e una fiducia incrollabile in Dio. Durante la sua breve vita, cercò di aiutare gli altri nonostante le sue stesse sofferenze, ispirando coloro che lo conoscevano con la sua pazienza e la sua serenità interiore. La sua vita cambiò quando venne accolto da un parente che lo portò a Napoli, dove ricevette cure e assistenza. Qui, trovò conforto nella fede e si dedicò a servire gli ammalati e i poveri, mostrando una straordinaria compassione e amore per il prossimo. Nonostante le sue condizioni di salute precarie, Nunzio trovò la forza di assistere gli altri, diventando un modello di carità cristiana. Nel 1836, all’età di soli 19 anni, Nunzio Sulprizio morì a causa della sua malattia. La sua breve vita e il suo esempio di fede profonda e carità fervente attirarono l’attenzione della Chiesa. Nel 1963, Papa Giovanni XXIII lo proclamò beato, e nel 2018, Papa Francesco lo canonizzò, riconoscendolo come santo della Chiesa cattolica. San Nunzio Sulprizio continua a essere un esempio di speranza e di forza interiore per i credenti di oggi, invitando tutti a seguire l’esempio di amore verso Dio e verso il prossimo, nonostante le sfide e le difficoltà della vita. La sua vita breve ma significativa rimane un faro di luce e di ispirazione per coloro che cercano di vivere secondo i valori evangelici nella moderna società.

Luogo venerazione
Immagini