San Gennaro, Vescovo e Martire
Data di celebrazione nel calendario romano: 19 Settembre

 

Regione
Luogo di sepoltura
Napoli, Italia
Data di nascita
272 d.C.
Data canonizzazione
Non definita



Biografia

San Gennaro, venerato come santo dalla Chiesa cattolica, nacque a Benevento, in Campania, intorno al 272 d.C. La sua giovinezza è avvolta nella leggenda, ma si narra che fin da giovane si distinse per la sua bontà, la sua intelligenza e la sua profonda fede cristiana.

In giovane età, Gennaro fu eletto Vescovo di Benevento, dove svolse il suo ministero con zelo e dedizione. Si dedicò alla cura del suo popolo, predicando il Vangelo, assistendo i bisognosi e difendendo i deboli. La sua fama di santità e la sua opera pastorale lo resero presto amato e stimato da tutti.

Durante il regno dell’imperatore Diocleziano (284-305 d.C.), l’Impero Romano fu teatro di feroci persecuzioni contro i cristiani. Gennaro, non temendo le minacce e le torture, continuò a predicare la sua fede e a confortare i suoi fedeli.

Nel 305 d.C., fu arrestato e sottoposto a processo davanti al governatore Publio Aurelio. Di fronte alle accuse di sovversione e rifiuto di adorare gli idoli pagani, Gennaro rimase irremovibile nella sua fede. Condannato a morte, fu decapitato sul Monte Solfatara di Pozzuoli, vicino a Napoli.

Secondo la tradizione, dopo la sua decapitazione, il corpo di San Gennaro fu raccolto da una donna cristiana di nome Eusebia e sepolto nelle catacombe di Napoli. Nel corso dei secoli, le reliquie del santo divennero meta di pellegrinaggio e la sua memoria fu venerata con grande devozione.

Un evento prodigioso che accrebbe ulteriormente la fama di San Gennaro fu il miracolo del sangue. Si narra che, tre volte all’anno (il 19 settembre, la prima domenica di maggio e il 16 dicembre), il sangue custodito in un’ampolla di vetro si liquefi spontaneamente. Questo fenomeno, considerato miracoloso dai fedeli, attira ogni anno migliaia di pellegrini a Napoli.

San Gennaro è considerato il patrono di Napoli e della sua arcidiocesi. La sua figura è profondamente legata alla città partenopea, che lo venera come suo protettore e intercessore.

San Gennaro rappresenta un simbolo di fede incrollabile, coraggio di fronte alle persecuzioni e amore per il prossimo. La sua storia continua ad ispirare e a richiamare i valori cristiani di carità, speranza e dedizione.

Luogo venerazione
Immagini