San Bernardino da Siena, Sacerdote Francescano
Data di celebrazione nel calendario romano: 20 Maggio

 

Regione
Luogo di sepoltura
Basilica di San Bernardino, L'Aquila
Data di nascita
8 settembre 1380
Data canonizzazione
24 maggio 1450



Biografia

San Bernardino da Siena, sacerdote francescano, nacque il 8 settembre 1380 a Massa Marittima, una cittadina della Toscana, Italia. Rimase orfano in giovane età e fu cresciuto da una zia a Siena. Studiò nelle scuole della città, dimostrando fin da subito un’intelligenza brillante e una profonda pietà. All’età di 17 anni, mentre Siena era colpita dalla peste, Bernardino si dedicò alla cura degli ammalati presso l’ospedale di Santa Maria della Scala. Questo periodo segnò profondamente il suo spirito e rafforzò la sua vocazione religiosa. Nel 1402, Bernardino entrò nell’Ordine dei Frati Minori, comunemente noto come Francescani, e ricevette l’ordinazione sacerdotale nel 1404. La sua predicazione si rivelò subito straordinaria. Bernardino era un predicatore carismatico, dotato di grande eloquenza e di una passione travolgente. Viaggiava instancabilmente attraverso l’Italia, portando la sua parola in città e paesi, attirando grandi folle. La sua missione principale era la riforma morale e spirituale della società. Denunciava con fervore i vizi, la corruzione e l’usura, invitando le persone a una vita di virtù e penitenza. Il suo simbolo distintivo era il monogramma “IHS”, che rappresentava il nome di Gesù Cristo, spesso mostrato su tavolette che teneva davanti alla folla. Bernardino non solo predicava, ma lavorava attivamente per promuovere la pace tra le città-stato italiane, spesso in guerra tra loro. Fu anche un grande sostenitore del rinnovamento dell’Ordine Francescano, spingendo per un ritorno alla povertà e alla semplicità originarie. Nel 1437, fu eletto vicario generale dell’Osservanza, un ramo riformato dell’ordine, carica che mantenne con grande dedizione e saggezza. Le sue parole e i suoi sforzi ebbero un impatto significativo. Bernardino riuscì a convertire molti peccatori e a ispirare un profondo rinnovamento spirituale. Fu un promotore delle missioni popolari e istituì le “Monte di Pietà”, istituzioni di credito senza scopo di lucro, per aiutare i poveri a evitare l’usura. Queste iniziative sociali dimostrano il suo impegno non solo spirituale ma anche pratico nel migliorare le condizioni di vita dei più bisognosi. Nonostante la sua popolarità, Bernardino affrontò numerose difficoltà e opposizioni. Fu accusato di eresia a causa del suo uso del monogramma “IHS”, ma fu assolto da tutte le accuse e persino invitato a predicare a Roma dallo stesso Papa Martino V. Questa assoluzione rafforzò ulteriormente la sua posizione e la sua influenza. San Bernardino da Siena morì il 20 maggio 1444 a L’Aquila, dove aveva fondato un convento. Fu canonizzato il 24 maggio 1450 da Papa Niccolò V, solo sei anni dopo la sua morte, a testimonianza della sua straordinaria santità e del grande impatto del suo ministero. La sua festa liturgica è celebrata il 20 maggio. San Bernardino da Siena è ricordato come uno dei più grandi predicatori del suo tempo, un riformatore coraggioso e un instancabile lavoratore per la pace e la giustizia sociale. Il suo esempio di vita dedicata alla povertà, alla predicazione e alla carità continua a ispirare molti, e il suo contributo alla spiritualità e alla società del suo tempo rimane significativo nella storia della Chiesa cattolica. La sua immagine è spesso raffigurata con il monogramma “IHS”, simbolo della sua devozione a Cristo, che egli portava sempre con sé come segno del suo amore per il Salvatore e del suo impegno a diffondere il Vangelo.

Luogo venerazione
Immagini