Beata Benedetta Bianchi Porro
Data di celebrazione nel calendario romano: 23 Gennaio

 

Luogo di sepoltura
Dovadola
Data di nascita
12 agosto 1936
Data canonizzazione
Non canonizzata



Biografia

Benedetta Bianchi Porro nacque il 12 agosto 1936 a Dovadola, in Italia. Fin dalla giovane età, mostrò un profondo amore per la vita e per la fede cristiana. Tuttavia, all’età di 10 anni, contrasse una malattia che le causò una grave invalidità e che la costrinse a una vita di sofferenza fisica.

Nonostante le difficoltà fisiche, Benedetta accettò la sua malattia come un dono da offrire a Dio e come un mezzo di santificazione. La sua vita fu caratterizzata dalla preghiera intensa, dalla meditazione spirituale e dalla partecipazione attiva alla vita della Chiesa.

Benedetta scrisse numerosi diari e lettere, nei quali esprimeva i suoi pensieri, le sue preoccupazioni spirituali e la sua profonda unione con Cristo sofferente. La sua spiritualità era centrata sull’accettazione gioiosa della volontà di Dio e sull’unione con il dolore redentore di Cristo.

Benedetta Bianchi Porro fu dichiarata Venerabile da Papa Giovanni Paolo II nel 1994, riconoscendo la sua vita di virtù eroiche. Il processo di beatificazione è proseguito e nel 2019 è stata proclamata Beata dalla Chiesa cattolica. La sua festa liturgica è celebrata il 23 settembre.

La Beata Benedetta Bianchi Porro è un esempio moderno di come la sofferenza e l’offerta di sé possano essere vissute come un cammino di santità e di vicinanza a Dio. La sua testimonianza continua a ispirare coloro che affrontano difficoltà fisiche e spirituali, invitandoli a vivere la loro fede con coraggio e fiducia in Dio.

La sua vita è un incoraggiamento per tutti noi a cercare la santità nelle circostanze quotidiane, abbracciando la volontà di Dio con gioia e speranza.

Luogo venerazione
Immagini